Umbria, Orvieto e Todi

Questa zona a sud-ovest della regione Umbria si caratterizza per la presenza di due cittadine d’arte e cultura come Todi ed Orvieto che vantano tesori artistici assolutamente da vedere e zone di interesse naturalistico.

Orvieto, imperdibile visita alla città umbra sulla rupe di tufo, da visitare su tutti, il Duomo, mirabile esempio di gotico-romanico del tredicesimo secolo, tutto il centro storico ed i quartieri medievali, con molti palazzi rinascimentali, antiche chiese, la Torre del Moro, Palazzo del Popolo, Pozzo di San Patrizio, Necropoli etrusca, Porto romano di Pagliano, Orvieto Underground ed il Pozzo della Cava. Notevole è anche l’offerta di musei dove poter ammirare molti reperti etruschi.

Todi, famosa cittadina umbra e culla di Jacopone da Todi, dal bel centro storico a misura d’uomo, da vedere in particolare: Piazza del Popolo e cattedrale, le chiese ed il Santuario della Consolazione, la Pinacoteca, il Museo delle tradizioni contadine e le cisterne romane.

– Allerona, si trova a nord di Orvieto, nell’area del comune si trova il parco naturale di Villalba, la selva di Meana (Villa Cahen) ed il bosco dell’Elmo. La zona è particolarmente bella dal punto di vista naturalistico e ricca di percorsi per gli amanti delle escursioni e del trekking.

– Porano, tomba etrusca Hescanas-Golini e Villa Paolina con il suo bel giardino all’italiana

– Montecastello di Vibio, uno dei borghi più belli d’ Italia (vicino Todi), da visitare il centro ed il “teatro più piccolo del mondo”

– Civitella del lago, piccolo borgo panoramico, da vedere il centro e l’originale Museo dell’ovo pinto. Nelle vicinanze da vedere la zona archeologica di Scoppieto e l’Eremo della Pasquarella

– San Venanzo, borgo vicino al Monte Peglia con il sentiero vulcanologico ed il piccolo Museo che ospita anche reperti preistorici.

Per chi ama la natura:

  • Parco fluviale del Tevere (Grotta delle Piane e Fosso della Contea)
  • Parco dei sette frati del Monte Peglia (Museo e sentiero vulcanologico di San Venanzo)
  • Parco di Villalba
  • Tane del Diavolo (grotte)
  • Forra di Prodo

Per chi ama le terme:

  • Terme di Parrano – Bagno del Diavolo (piscine termali)

 

Tuscia ed Alto Lazio

Posta a nord della regione Lazio, il territorio della Tuscia comprende la vasta provincia della città di Viterbo e tra le maggiori attrattive per il turista, il lago di Bolsena, il borgo di Civita di Bagnoregio, la suggestiva Bomarzo ed altri abitati come Montefiascone, Acquapendente, Caprarola, Torre Alfina. Molto apprezzate, nella zona costiera, località come Tarquinia (città ricca, come la vicina Vulci, di reperti etruschi, tra cui le splendide tombe affrescate) Montalto Marina, Riva dei Tarquini e Pescia romana per il turismo balneare. La Tuscia viterbese  è ricca di natura, testimonianze storiche ed antiche eredità religiose. Viterbo è la città principale ed è denominata la “Città dei Papi” per la assidua presenza di molti pontefici nei secoli passati che la frequentavano regolarmente anche per le sue benefiche acque termali  (Terme dei Papi).  Ma è’ una terra, la Tuscia di storia anche più antica come testimoniano alcuni siti con tracce di reperti etrusco-romani, ed è poi una terra di acqua con le numerose sorgive termali  e con la presenza del grande lago vulcanico di Bolsena, dalle acque limpide e balneabili.

viterbo-palazzo-papaleViterbo, da vedere i quartieri storici dentro le mura medievali, il suggestivo Palazzo Papale, a testimonianza della forte e costante presenza pontificia nella città,  la casa natale di Santa Rosa (importante e caratteristico evento annuale è  il trasporto della macchina di Santa Rosa a settembre), la zona termale del Bullicame e le attrezzate Terme dei Papi con la grande piscina termale, in città invece il quartiere medievale di San Pellegrino e Piano Scarano e le belle mura che ancora cingono il centro storico. E ancora appena invece si segnalano la bellissima Villa Lante di Bagnaia ed il sito archeologico di Ferento con resti di epoca romana.Bomarzo, borgo medievale con il famoso il “Parco dei Mostri”, una serie di sculture mitologiche in pietra all’interno di un grande parco boschivo del XVI secolo che racchiude significati allegorici e mitologici.

-Palazzo Farnese, a Caprarola a sud di Viterbo, altra operta monumentale voluta dalla famiglia dei Farnese con superba architettura e pregevoli dettagli.

Montefiascone, centro non lontano da Viterbo, ha nel centro storico la parte più interessante con la bella cattedrale di Santa Margherita e la Rocca Papale da cui si scorge un ampio panorama del sottostante lago di Bolsena.

Civita di Bagnoregio, il cosiddetto “paese che muore”, uno dei borghi segnalati tra i più belli d’Italia situato nel territorio della Teverina dove sono presenti disseminati paesini intorno alla verde valle dei calanchi:  Graffignano (Castello Baglioni), Vetriolo, Civitella d’Agliano, Lubriano (Torre Monaldeschi, Castello Seppia), e Celleno  i cui monumenti principali sono il convento di S.Giovanni Battista e soprattutto il Castello Orsini con la chiesetta di San Carlo.

Bolsena, di origine etrusca posta sull’omonimo lago e città del” Miracolo Eucaristico”. Da vedere nel suo  centro, il castello Monaldeschi, la maestosa cattedrale di Santa Cristina e tutto il bellissimo lungolago. Dal grande lago emergono due isole: la Bisentina, attraente e sinuosa, e la Martana, famosa per essere stata l’isola della Regina Amalasunta. Le isole sono residui di crateri vulcanici. Sulle fertili sponde, ai boschi di querce e castagni si alternano coltivazioni di vite, ulivi e ortaggi. Fra le molteplici attrattive turistiche citiamo quelle di genere archeologico e culturale. Offrono altri motivi d’interesse gli sport che possono essere praticati sulle sue acque: la vela, il windsurf e la pesca. Il più grande lago d’origine vulcanica d’Europa e quinto per dimensioni d’Italia, è invece il luogo ideale per rilassanti giornate al sole e passeggiate. Il panorama che offre è semplicemente spettacolare.

I paesi che si possono visitare partendo da Bolsena e seguendo la strada panoramica in senso circolare sono: Montefiascone, col più bel panorama complessivo del lago; Marta, il più attivo porto di pescatori; Capodimonte, sul pittoresco promontorio che si protende verso il lago; Valentano, col suo ampio panorama dominante la conca del lago; Gradoli, su uno sperone di tufo all’interno del recinto craterico; Grotte di Castro, conserva il fascino della struttura medioevale e San Lorenzo Nuovo, perfetto esempio d’impianto urbanistico del Settecento, con una rarissima piazza a pianta ottagonale.

Acquapendente, la città dei “Pugnaloni” (quadri realizzati con petali di fiori) si trova quasi al confine con la Toscana lungo la strada che conduce al Monte Amiata verso Siena. Da vedere il centro, il bel Duomo, il Museo del Fiore e nelle vicinanze il borgo (tra i più belli d’Italia) di Torre Alfina con il maestoso castello ed il bosco con il Mausoleo Cahen.

Latera, piccolo borgo laziale posto in una grande piana di origine vulcanica, si trova al centro del percorso del Sentiero dei Briganti.

TuscaniaTarquinia e Vulci, andando verso la costa tirrenica, da vedere i siti archeologici con testimonianze di epoca etrusca  e romana. In particolare presso la città di Tarquinia e nella vicina Cerveteri si possono ammirare necropoli etrusche di grande rilievo con la Tomba della Regina magnificamente affrescata e, per questo molto rara tra i ritrovamenti della civiltà etrusca. Per la bella città di Tuscania invece si segnala la cattedrale di San Pietro e per Vulci, località quasi sul mar Tirreno, l’area archeologica comprendente anche un museo etrusco e numerosi sentieri naturalistici lungo il corso del fiume Fiora con lo spettacolare laghetto del Pellicone.

Per chi ama la natura:

  • Lago di Bolsena
  • Parco di Turona (Bolsena)
  • Riserva Naturale di Monte Rufeno
  • Oasi WWF di Vulci – Lago del Pellicone
  • Selva di Lamone e Sentiero dei Briganti
  • Parco naturale della Valle dei Calanchi

Per chi ama le terme:

  • Terme dei Papi (Viterbo)
  • Terme di Orte (pisicne termali)

Bassa Toscana e Val d’Orcia

Una delle zone più famose e frequentate della regione Toscana con Siena, come città principale e meta frequente di turisti e visitatori da tutto il mondo, la provincia senese comprende poi il territorio suggestivo delle crete senesi ed il parco della Val d’ Orcia con splendidi paesaggi e borghi incantevoli tra cui Pienza, Montalcino, Bagno Vignoni, Buonconvento. Molto apprezzato anche il versante ovest con il Monte Amiata, località per lo sci in inverno e per escursioni e trekking nei periodi estivi e primaverili.

Consigliato un itinerario dalla statale Cassia partendo dalla località termale di Chianciano terme per poi risalire verso Siena passando attraverso la paesaggistica Val d’Orcia che comprende Montepulciano e Pienza, Montalcino, San Quirico d’Orcia, Bagno Vignoni, Buonconvento. Altro itinerario consigliato è quello delle “Crete Senesi” che attraversa le brulle colline toscane da Asciano, Buonconvento, Monteroni d’Arbia, Rapolano terme, Trequanda e San Giovanni d’Asso.

Siena: la città stessa merita una visita approfondita, da Piazza del Campo con la altissima Torre del Mangia, al Duomo, il Battistero di San Giovanni, la Libreria Piccolomini, l’Enoteca Italiana e tutti i palazzi nobili.
Interessante è anche tutta la campagna con le ville rinascimentali: Villa il Pavone, Villa Gori, Villa Flora, Villa Chigi e Villa Apparita. Da non perdere poi il doppio appuntamento estivo con il celeberrimo Palio. Per gli amanti della bici segnaliamo il percorso da Siena a Gaiole in Chianti ribattezzato “L’Eroica”: una pedalata tra suggestivi paesaggi e borghi turistici.

Altre mete consigliate: Montalcino il paese del celebre Brunello, un vino di fama mondiale prodotto in questo territorio ricco di bellissimi vigneti e rinomate aziende agricole. Esiste anche un treno speciale il Montalcino express che ripercorre le zone più produttive e famose. Castello Banfi, Castello di Argiano, degustazione del Brunello locale, Museo del Vetro e della Bottiglia

Pienza: altro sito patrimonio dell’Unesco nel cuore della Val d’Orcia è uno dei simboli della Toscana, raffinato e circondato da un bellissimo scenario naturale, ha nelle sue vie e nelle piazze tutto il fascino ordinato di un centro rinascimentale e non da meno sono le sue produzioni gastronomiche (il formaggio pecorino in particolare).

Vicino a Montalcino e Pienza segnaliamo il piccolo Borgo di Bagno Vignoni, caratteristico per il grande specchio d’acqua che si trova al centro del paese. Appena fuori città si trovano invece le antiche Vasche romane ed una suggestiva cascata di acqua sorgiva.

Alcuni tra i Borghi più belli d’Italia: Cetona, San Quirico, Buoconvento, Asciano e San Casciano dei Bagni (località termale con una delle migliori Spa d’Europa ma anche con zone di antiche vasche libere al pubblico).

Montepulciano e Chianciano terme: il borgo di Montepulciano è particolarmente grazioso con un pregevole centro storico e monumenti come S.Biagio ed il bel Palazzo Comunale e vanta anch’esso tradizionali enogastronomiche di livello. Di qui passa la strada del Vino nobile di Montepulciano: un rosso di grande carattere. Chianciano è una moderna cittadina con centri termali.

Castelnuovo Berardenga: esso si trova più a sud delle altre cittadine, da vedere in questa zona il parco di Villa Saracini, la Certosa di Pontignano e l ‘abitato di San Gusmè. Da vedere il curioso Museo del Paesaggio.

Per chi ama la natura:

  • Area delle Crete Senesi
  • Monte Amiata
  • Parco della Montagnola
  • Museo del Bosco di Sovicille
  • Ferrovia della Miniera di Murlo
  • Treno Natura (una linea ferroviaria di altri tempi, con treni d’epoca che attraversano la Val d’Orcia per Siena, Asciano, Monte Antico Civitella Paganico)

Per chi ama le terme:

  • Terme di Chianciano – Terme sensoriali e Piscine d’acqua calda
  • Terme di Montepulciano
  • Bagni di Petriolo,
  • terme di San Casciano dei Bagni
  • Bagni di San Filippo
  • Terme di Monticiano
  • Bagno Vignoni
  • Terme di San Giovanni (Rapolano Terme)

Maremma Toscana

Un territorio sul versante occidentale della Toscana, partendo da nord e dalla zona di Livorno per scendere lungo la superstrada Aurelia fino al confine con il Lazio per addentrarsi poi nelle lande pianeggianti ed i paesaggi di altri tempi della maremma tanto cari al poeta Carducci.Tutto il territorio racchiude gran parte di quella che fu l’antica Etruria ed infatti sono svariati e molto diffusi i siti archeologici ed i musei dedicati alla civiltà Etrusca. Livorno è la città principale a nord mentre la vasta provincia della maremma ha in Grosseto il suo capoluogo. Tutta la zona con la bella Costa degli Etruschi nel livornese (molte località per il mare) e con il litorale grossetano sono ambite mete per il turismo di mare.

Parco archeologico di Populonia, Parco archeominerario di San Silvestro (circuito dei Parchi della Val di Cornia)

-Museo delle Miniere della Val di Cecina

-Abbazia di San Galgano, e di Sant’Antimo nella parte più estrema della maremma toscana verso il confine con il senese e la Val d’Orcia

-Area archeologia di Roselle e Vetulonia, in maremma e scavi della antica città di Cosa (Ansedonia)

-Capalbio, località nota per il turismo balneare, si trova al disotto della Feniglia, da vedere anche il centro storico con il castello. Nelle vicinanze da non perdere il “Giardino dei Tarocchi”(opere moderne in un parco all’aperto).

Massa Marittima, località della maremma toscana non lontano dalla costa, ha nel centro storico e nel suo bellissimo Duomo il centro attrattivo principale. Il paese ha un ricco sistema museale (Colline metallifere) tra cui il Museo delle Miniera, il Parco archeologico del lago dell’Accesa, l’Aquariaum di Valpiana.

Pitigliano, la piccola Gerusalemme, la città del tufo con la rupe che lo sorregge ed i numerosi monumenti e chiese di stile ebraico. Non lontano da Pitigliano da vedere l’altro borgo più bello d’Italia, Sovana con il bellissimo centro storico e il Duomo e Sorano.

-Scansano, paese che dà il nome al famoso vino, “Morellino”, da vedere per restare in tema il Museo della vite.

-Saturnia, è il centro famoso per le sue benefiche terme e la tipica cascata naturale del Gorello. Non lontano in questa zona si trovano anche S.Qurico, Sorano e Sovana graziosi paesini che incarnano al meglio la tradizione di queste terre ricche di storia e sono noti come le città del tufo. In particolare segnaliamo a Sorano la fortezza Orsini e nel borgo di Sovana il Duomo.

Promontorio del Monte Argentario, Porto Santo Stefano, Porto Ercole, Giglio Castello (sulla vicina Isola del Giglio)

Per chi ama la natura:

  • Parco dell’Uccellina (o della Maremma)
  • Laguna di Orbetello
  • Oasi di Burano
  • Orti Bottegone (Parchi Val di Cornia)
  • Parco delle isole dell’arcipelago Toscano

Per chi ama le terme:

  • Terme di Saturnia,
  • Terme di Sorano e Pitigliano
  • Bagni di Petriolo